Blended CarlBot Method

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

…quando vi accorgerete che se non guardate i video non imparerete mai nulla”: Il Professor CarlBot riprende i suoi studenti. “Siamo nel 2050 e ancora vi devo spiegare io le cose?”. CarlBot: 56 anni, leva 1994, docente in una delle scuole più prestigiose di Arti Artificiali, autore di numerose pubblicazioni sul mondo della robotica e dell’automazione, un nostalgico insegnante prigioniero delle materie che ha sempre insegnato.
Da ormai quasi 25 anni le riforme scolastiche hanno portato il così detto “Analogical-Free Method”: Docenti virtuali, videolezioni e laboratori digitali, team-working da remoto, chatbot per ogni dubbio o questione. “Augmented Learning”, la filosofia motrice di questo movimento. Meno spreco di tempo, gestionali intelligenti che ti programmano il piano di studi, docenti in video conference per poche ore alla settimana, totale autonomia per gli studenti.

CarlBot è stanco di tutti questi automatismi, crede ancora nelle sue capacità e nel valore aggiunto che può dare ai suoi studenti, sempre più alienati davanti ai video e meno capaci di interagire o porsi delle domande.
Da qualche settimana Carlbot ha deciso di adottare un nuovo metodo nelle sue classi: si presenterà in aula e per due, tre ore al giorno terrà lezione alla vecchia maniera con spiegazioni alla lavagna digitale. Durante il resto della giornata continueranno con la parte di videolezione per approfondire o migliorare la parte pratica, ma è certo che con il nuovo metodo “Blended”, porterà i suoi studenti a una preparazione ottimale.

Blended: un mix tra apporto umano, empatico e automatismo digitale. Un metodo definito per velocizzare l’apprendimento senza rinunciare al rapporto con il docente, in cui si crea interazione con una realtà reale e non virtuale, in cui il compagno di banco non è un soprammobile con le cuffie ma un compagno con cui condividere attenzioni e distrazioni, con cui arrivare al risultato ancora più velocemente in mancanza del professore. Anche CarlBot crede nel digitale e nelle tecniche moderne di apprendimento, ma conosce la particolarità e unicità di una lezione frontale.

I risultati di questo nuovo metodo di CarlBot portarono i suoi studenti a risultati incredibili e presto venne adottato da tutta la scuola e seguentemente entrò in vigore in tutto il paese con una nuova riforma conosciuta ancora oggi come “Blended CarlBot Method”.